Traccia per un’avventura introduttiva nell’Alfeimur per un personaggio Chakbash di primo livello.

2 di Betenior, 2054 dfW (Anno Corrente)

SHADESH, Lande del Kalder

La grande e scura Sala del Silenzio è piena, oggi.

Molti Signori delle Ombre e Segugi Notturni sono venuti ad osservare un evento rarissimo: la messa sotto accusa di uno Spettro.

Hiller “Strongfist” Velen, Alto Giudice della Sacra Società di cui sei membro, la Strada Piana, ricopre il ruolo a lui imposto dalla tradizione, quello dell’accusa. Quando inizia a parlare, anche i capi delle altre Società guerriere di Shadesh cadono nel silenzio: <<Sei stato accusato di non aver obbedito al principale dogma del Codice: il tuo comportamento mette in pericolo i Chakbash ai tuoi ordini, e disonora l’Ordine di cui fai parte. Come detta la tradizione, ti viene concessa una pentade per portare di fronte agli Alti Giudici le prove della tua innocenza. Al termine di questo periodo, constatata la tua colpa, sarai atteso nella Sala degli Eroi, ove potrai compiere Zal-Kither di fronte al Consiglio degli Anziani per poter purgare la tua anima dalla colpa. Se non sarai nella Sala entro il quinto rintocco della Campana Silenziosa, verrai braccato come un animale ed ucciso, sopra o sotto le Lande, ed il tuo nome verrà cancellato dagli annali. Per tutta la durata della pentade nessun Chakbash ti fornirà cibo, acqua, assistenza ed aiuto, né parlerà con te di altro che non sia il tuo crimine. La tua casa dovrà rimanere vuota, i tuoi congiunti saranno sorvegliati, il tuo klanir verrà tenuto in custodia presso la Casa del Sangue.>>

L’atto di accusa è stato pronunciato. Lo accetti con la freddezza propria di un Chakbash. Sai, però, di non avere speranze: senza appoggi e aiuti, sei già un Rinnegato prima ancora di uscire dalla sala, e la tua parola non vale più nulla.

<<Ora va, corri nei tunnel della Città dell’Eterno Crepuscolo, e cerca di dimostrare ai Chakbash come un membro della Strada Piana sarà tale sino alla morte.>>
Il personaggio si è cacciato in un guaio che lo condurrà direttamente all’esilio o alla morte.

Quattro giorni fa, durante una festa selvaggia, il personaggio e una giovane appartenente alla Guardia del Sangue, Staltera, si sono ubriacati.

Mentre erano appartati in intimità, Staltera ha cercato di reclutare il personaggio all’interno di una Società Segreta di seguaci Chakbash della proibita divinità Forn, Urimash l’Oscuro.

Pur nell’impeto della passione e ubriaco, il personaggio ha reagito alla notizia cercando di arrestarla: Staltera ha risposto imprevedibilmente, usando incantesimi divini che hanno bloccato il personaggio.

Approfittando degli attimi di paralisi del personaggio la giovane ha chiamato aiuto tra i suoi correligionari, ma le cose non hanno preso la direzione voluta: un uomo dal volto nascosto nelle ombre (un potente chierico di Urimash) è accorso in zona, ma per risolvere il problema ha ucciso Staltera col klanir del personaggio e si è volatilizzato.

Ora il personaggio non ha nulla tra le mani per dimostrare le parole di Staltera o la sua innocenza… ma sapendo cosa è accaduto davvero può decidere di cercare la verità oltre le caverne di Shadesh, accettando l’esilio per aiutare il suo popolo.

 

I Chakbash, gli Umani della Notte Eterna, sono descritti in Alfeimur Ambientazione e in Alfeimur Segreti e Bugie (disponibili nel KIT DI GIOCO).

Un approfondimento su di loro, con nuove regole, chiarimenti sulle classi e la mappa di Shadesh, è disponibile in inglese in Chakbash – Humans of the Eternal Night.