/Tag:Avventure nell'Alfeimur

Faccia a faccia col Male!

E’ uscito Il Figlio del Male, il capitolo conclusivo de L’Ultima Crociata, la campagna basata nell’Alfeimur.

Il Figlio del Male porta i personaggi ben oltre il 10° livello, mentre affrontano un disperato viaggio fino al Forte dove il loro avversario attende la caduta di Monida. E come spesso accade, smascherare l’avversario non sarà che

Dentro il sarcofago – un’avventura a Weiraz

Babilonia. Roma. Malaz. Hlaungadath. Lankhmar. Ankh-Morpork. Carsultyal. 

Ci sono città che definiscono la cultura di un intero mondo, che influenzano con la propria filosofia e le proprie credenze i millenni a venire. 

Città nelle quali possono essere compiuti i crimini più efferati e gli atti più eroici. Città in cui gli Dei

2018-03-06T13:25:11+02:00 7 Giugno 2014|Categorie: Fantasy e GDR|Tags: , , |

Avventure D&D adatte all’Alfeimur – in italiano (parte 2)

Come promesso ecco altre avventure per D&D 3.5 adatte all’Alfeimur e in italiano. Oltre a poter essere unite per creare una campagna nuova, possono essere inserite tra un capitolo e l’altro de L’Ultima Crociata:

 Il Folle di Nagarak
Livello: 4°-5°
Ambientabile in: qualsiasi Signoria abitata da Bruni, preferibilmente Weiraz. L’avventura è interessante perchè permette

2018-03-06T13:25:12+02:00 12 Maggio 2014|Categorie: Fantasy e GDR|Tags: , , |

All’inseguimento del Calice di Sangue!

Solo un oggetto mitico, legato all’eroico sangue dei Re di Taskonil, può rivelare al mondo la vera faccia del male. 

Il Calice di Sangue è un’avventura non lineare basata su eventi, studiata per 3-5 personaggi di 7° livello, ambientata in una città divisa da secoli e pronta a cadere in una sanguinosa guerra civile.

Alfeimur L’Ultima Crociata – Avventure nel medioevo oscuro

Come gestire le avventure nell’Alfeimur?

Pensato per chi affronta l’Ultima Crociata (master e giocatori), questo approfondimento contiene indicazioni interessanti per chiunque voglia avventurarsi nell’Alfeimur.

La guerra nel medioevto

Le avventure dell’Alfeimur sono ambientate in un periodo storico paragonabile al nostro anno 1000.
Questo significa che lo sviluppo tecnologico è di circa 400 anni più arretrato